Piatto doccia in pietra: consigli per mantenerlo sempre pulito e brillante

piatto doccia in pietra naturale | box doccia
piatto doccia in pietra naturale | box doccia in pietra

Il piatto doccia in pietra: un elemento sempre più presente che, con pochi semplici consigli, manterrà nel tempo la bellezza e la luminosità del primo giorno.

La pietra naturale è solida, resistente e versatile. Sa adattarsi perfettamente a tutti gli stili e può rendere elegante ogni abitazione come nessun altro materiale è in grado di fare.

Può essere utilizzata per arredare in modo creativo sia gli ambienti interni che quelli esterni di ogni casa ma non solo. Le sue caratteristiche le permettono di essere impiegata anche in situazioni di costante sollecitazione, come accade per i top delle cucine o i piatti doccia.
Perché? Scopriamolo subito.

I vantaggi di un piatto doccia in pietra naturale

Un piatto doccia in pietra tende a macchiarsi molto meno di un comune piatto in ceramica. Questa proprietà rende meno faticosa la manutenzione e la pulizia di una particolare zona della casa come il bagno, costantemente utilizzata e soggetta a sporcizia e schizzi. La pietra, inoltre, resiste perfettamente al calore, all’umidità e ai continui sbalzi di temperatura.

Ma fermarsi solo al mero aspetto funzionale sarebbe riduttivo. A livello estetico, infatti, la pietra si adatta a qualsiasi tipo di arredamento e, proprio come accade per tutti gli altri ambienti di un’abitazione, può conferire un aspetto raffinato anche al bagno, pur restando molto pratica, facile da pulire e da conservare nel tempo.

Per mantenerlo sempre lucido e brillante, ti basterà seguire alcune semplici indicazioni. Scopriamo insieme quali sono.

Piatto doccia sempre splendente: i nostri consigli

piatto doccia in pietra | box doccia
piatto doccia in pietra | arredo interni

Non tutti i materiali sono uguali. Ognuno necessita di una pulizia particolare in base alla sua composizione chimica e al tipo di piatto doccia che si andrà a scegliere per il proprio bagno.

Ci sono pietre opache come il granito, ad esempio, che possono essere trattate con detergenti acidi senza ripercussioni sulla superficie, mentre il marmo o le altre pietre lucide richiedono maggiore attenzione e per questo si consiglia di lavarle con detergenti neutri.

Ma con che frequenza conviene pulirlo?

piatto doccia in pietra | consigli | la pietra taurina
piatto doccia in pietra | consigli | la pietra taurina

Per mantenere inalterata la sua brillantezza è indispensabile pulirlo costantemente anche solo asciugandolo con un panno in microfibra. Magari subito dopo aver fatto la doccia, per evitare che si formi il calcare sulla superficie.

Nelle condizioni di maggior necessità, invece, si può preservare la bellezza della pietra rimuovendo le incrostazioni con uno spazzolone, senza preoccuparsi più di tanto della violenza con cui si sfrega, perché i materiali naturali non temono le forti frizioni, né le ripetute sollecitazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa privacy