Colonne e balaustre in pietra leccese: come un merletto per le abitazioni.

Le balaustre in pietra leccese donano un tocco di eleganza all’intera abitazione, sottolineandone i ritmi ed i punti di maggior interesse. Vivacizza balconate, accompagna scalinate, fa da vedetta a cancelli e portoni più o meno importanti. Il susseguirsi delle colonne, come del resto la loro larghezza o snellezza, detta il tono della struttura abitativa, fungendo da battito di accompagnamento allo sguardo durante la visita. Anche la pietra scelta per realizzare le balaustre in pietra leccese contribuisce in maniera fondamentale allo stile dello spazio in cui si inserisce. Un carparo o tufo dei toni rossastri e dall’aspetto più poroso si inserirà meglio in un contesto più rustico, mentre, al contrario, in un ambiente più raffinato si troveranno alla perfezione le balaustre in pietra leccese chiara levigata con colonnine snelle e di media altezza.

Arte classica: per sempre giovane, le balaustre in pietra leccese.

Guadagnarsi l’etichetta di evergreen è tutt’altro che semplice. Bisogna possedere valori in grado di restare immutati nel tempo, solidi nonostante il variare delle tendenze e le influenze provenienti da ogni dove. L’etichetta di “sempreverde” diventa poi un fardello con cui fare i conti e guai a deludere le aspettative.
Una delle caratteristiche principali di ciò che non si lascia scalfire dalle evoluzioni dei trend di stagione è la misura. La misura è la cartina al tornasole per poter prevedere, già in anticipo, quale sarà la scelta che si dimostrerà la più duratura e, dunque, la vincente sulle altre.
L’arte classica ha sulle spalle millenni di storia eppure è quanto mai attuale ancora oggi. Ha rigore, misura, ordine e disciplina. Tutte caratteristiche che difficilmente possono essere duplicate, semmai solo emulate.

L’arte classica ha formato il gusto delle civiltà successive. E’ stata presa, copiata, rielaborata, impastata con altre tendenze, perfino mortificata dall’eccesso di decorazione e da barocchismi di basso spessore, ma ha saputo restare immutata attraverso i secoli, detenendo ancora oggi la fascia dell’esempio da seguire: le balaustre in pietra leccese.

Oggi fa parte della nostra stessa cultura di italiani, probabilmente in alcuni casi anche inconsapevolmente.

Ma chi non conosce le colonne della Grecia classica? Chi non distingue tra i tre ordini architettonici sapendo distinguere tra il più semplice e misurato e quelli via via più complessi? Chi non ha mai fatto esperienza visiva degli elementi decorativi vegetali presenti sui capitelli delle colonne? L’architettura greca è stata l’officina da cui ha preso vita il gusto di chi ha nel sangue influenze elleniche. Ha proposto colonnati, pilastri, architravi, cornici, fregi, balaustre in pietra leccese. Ha proposto anche balconi e balaustre in pietra leccese, con il loro susseguirsi ritmico ed elegante di elementi di appoggio come colonne o colonnine.

La balaustra in pietra in pietra leccese, come molti altri elementi architettonici di provenienza classica, è la stessa da secoli. Ha variato dimensioni, numero di colonne portanti, sfumatura di colore e tipologia di pietra utilizzata, ma è rimasta sempre se stessa. Non ha mai ceduto l’eleganza e la misura tipica delle origini.

La balaustra in pietra leccese fa bene all’amore.

Le balaustre in pietra leccese di muratura hanno inoltre un carattere molto romantico strettamente legato al mondo della fiaba o delle love story a lieto fine. Quante principesse hanno sceso scalinate super eleganti rese ancor più preziose da file ordinate di agili colonnine? Le abbiano viste emozionarsi, farsi coraggio, le abbiano viste perfino perdere scarpette di cristallo e non raccoglierle pur di non far tardi all’appuntamento dato. E quante storie d’amore abbiamo visto nascere e crescere sotto balconi in pietra di ricchi palazzi? Giovani che, pur non sentendosi all’altezza della loro amata, l’hanno aspettata, stuzzicata, hanno tentato il tutto e per tutto pur di farsi notare e di convincerla a ricambiare i loro sentimenti. Lei affacciata alla balaustra in pietra leccese del balcone regale, e lui di qua, a raccontare storie romantiche per convincerla a cedere.

Così Giulietta si lasciava affascinare, tormentata da mille dubbi e dal peso della sua posizione sociale, e Romeo a quelle colonne in pietra ci si aggrappava per non perdere nemmeno un suo impercettibile cenno.

Balaustre in pietra leccese per godersi il relax in libertà, ma al riparo da sguardi indiscreti.

E poi ci sono le balconate in pietra leccese. Quelle grandi e spaziose balconate sottolineate dal ritmo del colonnato con inserti più o meno consistenti di lastre in pietra. Sono un elemento architettonico che fornisce un respiro ampio ed elegante a terrazze, verande, piani rialzati. Sono ciò che vorremmo vedere nelle location scelte per le grandi cerimonie, sono quel colletto che aggiunge un tocco di pulizia alla composizione.

In questo caso le balaustre in pietra leccese sono un riparo da occhi indiscreti, che copre ma allo stesso tempo svela, pur senza raccontare troppo.

Qui la balaustra in pietra delimita lo spazio della calma e della riflessione, crea angoli appartati da tenere per sé, nei quali concedersi un drink con gli amici più cari. Fermarsi a leggere sotto il cielo stellato. In campagna e nelle periferie, ma anche in centro città, dove ciò che si cerca è proprio un po’ di privacy. Senza rinunciare alla vista meravigliosa che una posizione favorevole può permettere.

 

Contatta La Pietra Taurina per avere maggiori informazioni su prodotti e lavorazioni.

Translate»

Questo sito utilizza i cookie tecnici, per le statistiche e di terze parti. NON utilizziamo cookie di profilazione. Puoi avere i dettagli visitando l’informativa privacy