Coronavirus e ristrutturazioni: quando riaprire i cantieri

Coronavirus e ristrutturazioni – Stiamo vivendo una situazione nuova per tutti a causa della pandemia da Covid-19 che ci tiene tutti in casa dal 10 marzo del 2020. Ad oggi le disposizioni ministeriali impongono l’isolamento fino al 13 aprile (salvo nuove indicazioni). E dopo? Cosa succederà per chi vuole ristrutturare un appartamento? Cosa cambia con il Coronavirus? Scopriamolo insieme.

Indice

Ristrutturazione della propria casa: facciamo chiarezza

Coronavirus e ristrutturazioni: quali attività?

Coronavirus e ristrutturazioni: la soluzione per chi ha pianificato la ristrutturazione

Ristrutturazione della propria casa: facciamo chiarezza

Chi ha pianificato lavori di ristrutturazione e magari ha già ordinato e ricevuto i materiali, può iniziare a ristrutturare casa dopo il 13 aprile? E se i professionisti (muratori, idraulici, imbianchini) al momento sono fermi da un po’, possono tornare a lavorare?

In questi giorni un po’ tutti si stanno dilettando in lavoretti fai da te e piccoli interventi di ristrutturazione che possono svolgere con calma in un periodo in cui il tempo libero sicuramente non manca.

Ci sono delle situazioni, però, che necessitano dell’intervento degli addetti ai lavori, soprattutto se si tratta di ristrutturazioni più delicate e importanti. Per questo occorre far riferimento a quanto comunicato dal governo in questo periodo di emergenza.

coronavirus-e-ristrutturazioni-la-pietra-taurina-decreto-legge-blocco

Per chiarire questi dubbi è necessario far riferimento al DPCM 1 aprile 2020 che ha esteso le misure di contenimento dei precedenti decreti fino al 13 aprile.

Questo decreto, in linea con quello del 22 marzo, ha prolungato la sospensione di tutte le attività produttive industriali e commerciali, ad eccezione di quelle considerate estremamente necessarie, ovvero alimentari e sanitarie.

Coronavirus e ristrutturazioni: quali attività?

Tra quelle interessate dal decreto ci sono quelle relative alla “costruzione di opere di pubblica utilità”, quindi:

  • Costruzione di strade e ferrovie
  • Costruzione di opere di pubblica utilità
  • Costruzione di altre opere di ingegneria civile ad esclusione di:
  • Lottizzazione dei terreni connessa con l’urbanizzazione
  • Costruzione di opere idrauliche
  • Altre attività di costruzione di altre opere di ingegneria civile.

Questo significa che, senza alcun dubbio, fino al 13 aprile 2020 tutti i cantieri privati saranno chiusi e non sarà possibile effettuare lavori di ristrutturazione della propria casa.

Coronavirus e ristrutturazioni: la soluzione per chi ha pianificato la ristrutturazione

Se pensavi di ristrutturare casa in questo periodo, sicuramente ti sarai trovato in difficoltà per via delle restrizioni che, allo stato attuale, consentono la riapertura dei cantieri (anche privati) solo dal 14 aprile.

Ad ogni buon conto, però, bisogna mettere in preventivo anche una ulteriore proroga delle misure restrittive, che renderebbero impossibile una riapertura dei lavori nelle prossime settimane.

Nel frattempo, ci si può dilettare in semplici lavoretti domestici fai da te, nell’attesa di tempi migliori per ristrutturare un appartamento, la propria casa o un qualsiasi immobile privato.

Leggi anche:

Come pulire i pavimenti in pietra